Cosa serve

Strumenti per la corretta applicazione dell’articolazione tariffaria

È fatto obbligo per il gestore di mettere a disposizione dell’utenza condominiale o suo delegato uno strumento di calcolo di semplice utilizzo che consenta la ripartizione degli importi fatturati tra ciascuna utenza indiretta secondo i criteri stabiliti nel TICSI. Lo strumento di calcolo dovrà prevedere l’inserimento delle informazioni pertinenti, con particolare riferimento a quelle relative a: numero di unità immobiliari suddivise per tipologia di utenza, consumo (rilevato o stimato) di ciascuna unità immobiliare e, per le sole utenze domestiche, numerosità degli abitanti a cui si applica la tariffa pro capite. Detto strumento dovrà essere reso disponibile entro 6 mesi dalla data di entrata in vigore del presente provvedimento e costantemente aggiornato con l’articolazione tariffaria approvata e applicabile dal gestore.